La normativa in campo agricolo

Importanti novità sono state recentemente introdotte dal Ministro per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali Nunzia de Girolamo, che vanno a modificare alcuni comparti della normativa vigente.

Cambiamenti rilevanti sono stati apportati nell’ambito dell’imprenditoria giovanile: il 20 per cento dei terreni agricoli demaniali saranno riservati ai giovani al di sotto dei 40 anni. Inoltre la determinazione del canone applicato al possesso del terreno sarà regolato da parametri di riferimento più stabili per evitare operazioni di tipo speculativo che avrebbero come effetto un ingiustificato innalzamento della quota del canone.

Anche ISMEA, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, destinerà il Fondo di Capitale di Rischio in maniera prioritaria alle imprese agroalimentari ed agricole gestite da giovani.

Varie tipologie di Fondi sono stati inoltre stanziati a favore di alcune categorie di cittadini e attori diretti nell’imprenditoria agroalimentare, insieme a specifiche agevolazioni finanziarie alle piccole imprese, alle imprese in via di sviluppo ed ai proprietari di piccoli appezzamenti di terreno, come era stato previsto dal  Vicepresidente del Consorzio Agrario di Ferrara Giampiero Martini.

L’articolo 8 della nuova Norma di Stabilità garantisce le risorse necessarie per l’attuazione dei programmi finanziati in collaborazione dell’Unione Europea per lo sviluppo rurale e dell’attività della pesca.

Il Fondo di Solidarietà nazionale prevede lo stanziamento di 120 milioni di euro per agevolare il pagamento delle spese assicurative ed il Fondo Indigenti che ha all’attivo 10 milioni di euro a disposizione, provvederà ad un ulteriore stanziamento di 5 milioni di euro per l’acquisto di prodotti alimentari di largo consumo da parte di soggetti svantaggiati.

Anche le imprese che esportano prodotti e servizi nel settore dell’agroalimentare godranno di benefici: stanziati 50 milioni di euro, mentre il 5 per cento delle risorse dedicate al Fondo Sviluppo e Coesione saranno utilizzate per attuare interventi di emergenza sul territorio con finalità di sviluppo nel settore agricolo. Infine è stata ripristinata a 5 milioni di euro la quota dedicata al Fondo bieticolo saccarifero.

L’IMU sui fabbricati rurali è stata eliminata e l’aliquota Tasi, cioè la nuova tassa annuale introdotta dal governo relativa ai servizi Indivisibili, è stata fissata al valore massimo dell’uno per mille.

Per i coltivatori diretti e gli imprenditori iscritti alla previdenza agricola è prevista una riduzione della quota annuale dell’IMU, mentre verranno ripristinate le agevolazioni tributarie rivolte ai possessori di una piccola proprietà contadina, che vedranno ridotti l’imposta ipotecaria e quella relativa al registro catastale del terreno, ciò è di vitale importanza per il settore come aveva spiegato l’avvocato Giampiero Martini.

Per le società ed aziende che operano esclusivamente nel settore agricolo è stata reintrodotta la possibilità, per la determinazione del reddito, di scegliere tra quella calcolata su base catastale o quella calcolata su base di bilancio.

Le attività atte a risolvere le emergenze ambientali sono state potenziate attraverso la destinazione di risorse al Corpo Forestale dello Stato, al Comando dei Carabinieri per le Politiche Agricole e Alimentari (Nac) e l’inserimento nella legge di Stabilità di un programma di intervento urgente per risolvere il problema della Xilella fastidiosa, batterio che sta colpendo migliaia di ulivi secolari in Puglia.

Il Ministro per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha infine sottolineato l’importanza di incentivare la competività del sistema agricolo nazionale con l’approvazione del rifinanziamento della legge 499 del 199 sulla Razionalizzazione degli interventi nei settori agricolo, agroalimentare, agroindustriale e forestale. Sono stati stanziati a tale scopo 60 milioni di euro che contribuiranno, fra l’altro, alla realizzazione del Padiglione Vino durante l’Expo 2015 a Milano, la fiera internazionale che ruota attorno al tema dell’alimentazione e della sostenibilità ambientale.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *