Le migliori fattorie didattiche in Italia

E’ dalla seconda metà degli anni novanta che il concetto di fattoria didattica si sviluppa nel nostro paese.

Le aziende agricole dell’Emilia e della Romagna si costituiscono per la prima volta in un’unità aziendale facente capo alla voglia di intrattenere il pubblico di famiglie, spesso provenienti dalla città, di fornire loro un concetto sempre più adeguato nel settore agroalimentare.

L’intento della fattoria didattica è quello di istruire, di insegnare, di diffondere l’ideale della sana e tranquilla vita di campagna, fatta di genuinità e semplicità, di rapporto diretto con la natura e con le materie prime, di amore e passione viscerale verso la madre terra.

Fu così che dall’Emilia-Romagna la filosofia della fattoria didattica si è allargata su vasta scala nazionale, comprendo ogni singola regione. Oggi, è propria la terra romagnola a vantare il più alto e cospicuo numero di aziende operanti nel settore, seguite da Puglia, Lombardia, Veneto, Piemonte, Toscana.

L’ideale di rendere maggiormente partecipi, soprattutto le nuove generazioni, alla vita contadina è un’idea che si sta facendo sempre più prepotentemente largo fra la nuova cultura.

Nella fattoria didattica i bimbi vengono a contatto con gli animali (una cosa fondamentale per la crescita secondo molti, compresa la blogger di LoveAnimals.IT Silvia Poltri) che spesso vedono solo in vetrine di negozi, o sotto forma di cartone animato in tv: capire come si producono i prodotti, come gli animali crescano e si nutrono, entrare in contatto materiale con le faccende agricole, diffondere un più sano ideale di vita, questi i motivi dello sviluppo e del crescente successo che sta riscuotendo l’imprenditoria della fattoria didattica.

La scelta nel settore si avvale di una vastissima gamma di opzioni, a seconda dei gusti delle famiglie o dei gruppi che intendono goderne.

In Italia si contano più di millenovecentotrentasei fattorie didattiche, le migliori senza dubbio nel centro-nord, ove si può godere dei piaceri della tavola e dei percorsi guidati per i bambini nelle aziende dell’alto riminese o del modenese; in Piemonte, è crescente il numero di aziende che offrono anche ampie scelte culinarie e percorsi inerenti anche alla natura selvatica del luogo.

In forte aumento il fenomeno della fattoria didattica anche al sud della penisola italiana. Da segnalare gli ampi pascoli assolati della Puglia, dove le fattorie didattiche operanti offrono una grande gamma di visione e di esperienze nel settore produttivo del famoso olio, dalla raccolta alla pigiatura dell’olivo finale; per passare nelle fattorie calabresi, specializzate nell’allevamento del famoso nero di Calabria, suino autoctono ormai in via d’estinzione.

Come visto, delle millenovecentotrentasei fattorie didattiche operanti in Italia, la scelta di quale visitare è amplissima. Le offerte e i piani che ognuna offre sono variegati e spaziano dalla possibilità di seguire passo dopo passo la cura e l’allevamento degli animali, alla produzione agricola di ortaggi, a veri e propri musei viventi del mondo agricolo e rurale del passato.

Sempre più in incremento dunque il fenomeno della vacanza in campagna, all’insegna della buona cucina e della tradizione agricola del paese, con la possibilità di sapere e imparare sempre più degli usi e dei costumi di un tempo, che diventano basilari per i bambini e per i più grandi in cerca di relax, di aria genuina e di un fine settimana alternativo da passare all’aria aperta.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *